Il ricordo del bracciante ucciso per “una lezione”
Realizzato da Stefano Tartarotti
martedì 2 Giugno 2020 - h. 15:00

Esattamente due anni fa veniva ucciso con due proiettili alla testa Soumaila Sacko, giovane bracciante, sindacalista e padre di una figlia di cinque anni, entrato nel terreno di una fabbrica abbandonata per cercare dei pezzi di vecchia lamiera, per aiutare altri due braccianti a costruirsi un riparo dalla pioggia nella baraccopoli dei braccianti dei campi nella Piana di Gioia Tauro.
L’uccisore non era né il proprietario, né il custode. Coi suoi familiari aveva preso possesso, senza averne titolo, di un casolare e di tutti i terreni dell’area dell’ex fornace.
Sparò quattro colpi di fucile per dare una lezione “a quei neri”.

Stefano Tartarotti su Patreon

Stefano Tartarotti su Facebook

Le vignette di Stefano Tartarotti su aostapresse

Altre vignette

Stefano Tartarotti

su Patreon

Stefano Tartarotti

su Facebook

Stefano Tartarotti

su aostapodcast

aostapodcast su Spotify
aostapodcast su Apple Podcasts
aostapodcast su Anchor
aostapodcast su Anchor
aostapodcast su Anchor
aostapodcast su Google Podcasts
aostapodcast su RadioPublic
aostapodcast su Breaker

Pin It on Pinterest